Festività di San Giuseppe 2022: ritorna la processione
13 Marzo 2022
Interruzione flusso idrico: guasto in contrada San Martino
19 Marzo 2022

Provincia di Campobasso, riunione con i Sindaci del Fortore e del Matese: riparazione rete viaria di competenza con le sovvenzioni del decreto interministeriale “Ripartizione e utilizzo dei fondi per la messa in sicurezza e manutenzione straordinaria della rete viaria per l’accessibilità delle aree interne”

Ieri mattina, presso la sala consiliare della Provincia di Campobasso, in via Roma n° 47, ha avuto luogo, alla presenza del Presidente, Francesco Roberti, della Consigliera delegata alla Viabilità, Simona Valente, del Dirigente del 2° Settore Tecnico Ambientale, Carlo Lalli, del Dirigente alla Posizione Organizzativa del 2° Settore, Pasquale Stoppiello e dei Primi Cittadini dell’area fortorina e matesina, un’assemblea per discutere del mantenimento dei tratti stradali di pertinenza dell’Ente provinciale con il provvedimento denominato “Ripartizione e utilizzo dei fondi per la messa in sicurezza e manutenzione straordinaria della rete viaria per l’accessibilità delle aree interne” del Ministero delle infrastrutture e della Mobilità Sostenibili in collaborazione con il Dicastero per il Sud e la Coesione Territoriale e con quello dell’ Economia e delle Finanze del 13 ottobre 2021.

La sovvenzione d’investimento della sopra menzionata delibera, insieme a quella contenuta nel PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), ha l’obiettivo di rendere la transitabilità dei veicoli, sulle carreggiate di riferimento, più sicura così da facilitare il raggiungimento delle località distanti dai centri urbani più popolati.

Per la zona del Fortore i comuni interessati sono: Gambatesa, Riccia, Jelsi, Tufara, Sant’Elia a Pianisi, Pietracatella, Macchia Valfortore, Monacilioni, Cercemaggiore, Gildone, Campolieto e Toro.

L’Organismo attuatore dei lavori è l’Istituzione provinciale per le annualità 2021-2026 con una cifra di euro 3.208.000 sommate a 641.600 euro provenienti dalla quantità economica principale.

Per l’ambito matesino per i paesi coinvolti sono: Bojano, Campochiaro, Cercepiccola, Colle d’Anchise, Guardiaregia, San Giuliano del Sannio, San Massimo, San Polo Matese, Sepino, Spinete, e quattro della provincia di Isernia: Roccamandolfi, Castelpetroso, Cantalupo nel Sannio e Santa Maria del Molise.

L’Organo che si realizzerà le opere sarà quello di Palazzo Magno per un importo di euro 2.832.000 addizionate a 564.400 euro di un’erogazione statale.

I progetti saranno trasmessi ai Ministero delle delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili per la loro approvazione definitiva entro il 31 marzo.

Lo sviluppo del Molise, oltre alla creazione di occupazione lavorativa, passa anche per l’ammodernamento delle infrastrutture di collegamento stradale, anche in un’ottica di crescita turistica considerato il grande patrimonio culturale presente nella nostra regione.

Comments are closed.